STATUTO

home1-001

STATUTO ASSOCIATIVO

 

Art. 1 – È costituita l’Associazione  “Associazione Culturale Exosphere – PoesiArtEventi –“, libera Associazione di fatto, apartitica e apolitica, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto e degli eventuali regolamenti che, approvati secondo le norme statutarie, si rendessero necessari per meglio gestire specifici rapporti associativi o attività.

Art.2– L’Associazione ha sede legale in Reggio Emilia, in Via Bligny 52 e potrà istituire sedi secondarie o sezioni anche in altre città d’Italia o all’estero, mediante delibera del Consiglio Direttivo. Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statutaria, se avviene all’interno dello stesso Comune o Regione di appartenenza. La sede legale e le altre sedi o sezioni secondarie potranno essere trasferite o chiuse con semplice delibera del Consiglio Direttivo.

Art. 3 – L’Associazione si propone di operare in ambito culturale, sociale, formativo e ricreativo, per promuovere e valorizzare i singoli linguaggi artistici (in particolare: letteratura, arti visive e musica) attraverso un’interazione sinergica degli stessi, creando forme di contaminazione e sintesi multidisciplinare e performativa. L’Associazione intende inoltre:

a) creare un sito o portale internet di contenuti e informazioni per diffondere i propri scopi e che rappresenti un luogo di incontro virtuale tra i soci, nonché un utile strumento di gestione associativa;

b) tutelare e rappresentare gli associati nell’ambito delle attività svolte per il conseguimento dei fini sociali, anche partecipando a Enti o macro associazioni che abbiano fini statutari affini a quelli espressi nel presente statuto;

c) organizzare e gestire iniziative promozionali e pubblicitarie atte a sostenere il raggiungimento degli obiettivi associativi;

d) rappresentare gli associati all’interno o presso organismi ed Enti che possano concorrere al raggiungimento degli scopi associativi;

e) conformarsi alle norme e alle direttive degli Enti ai quali l’Associazione decida di aderire.

f) creare un Fondo Librario di Poesia

Art. 4 – L’Associazione potrà, anche in unione con altri soggetti pubblici o privati, promuovere attività e realizzare ogni forma di collaborazione, per lo sviluppo di ogni iniziativa idonea al raggiungimento delle finalità associative, stipulando appositi contratti, convenzioni e intese. In particolare l’Associazione si propone di:

a) svolgere tutte le attività ritenute necessarie e utili, in Italia e all’estero (valorizzando soprattutto le caratteristiche locali e le risorse del territorio), comprese in modo non esaustivo le seguenti:

manifestazioni culturali, mostre personali e collettive, reading, performance, concerti, concorsi, fiere, eventi artistici in genere, corsi di formazione, laboratori, seminari, conferenze, realizzazione di pubblicazioni editoriali, eccetera;

b) promuovere attività di raccolta fondi da destinare agli scopi istituzionali o benefici;

c) gestire, sviluppare e utilizzare strumenti informatici e telematici, quali, a mero titolo esemplificativo, portali e altre applicazioni Internet;

d) produrre ogni tipo di materiale  utile alle attività associative;

e) partecipare ad Associazioni, Enti o Eventi anche stranieri aventi scopo affine al proprio;

f) curare edizione e redazione di pubblicazioni (sia on-line che off-line), a carattere divulgativo sui temi di interesse specifico, nonché attività editoriali, audiovisive, pubblicazione di riviste;

g) divulgare i temi della responsabilità sociale tramite campagne di sensibilizzazione, eventi, corsi e dibattiti;

h) promuovere studi e ricerche attinenti ai propri fini;

i) organizzare corsi e percorsi formativi, anche con l’apporto di personale esterno all’Associazione, sui temi di interesse specifico;

l) promuovere ogni altra attività, iniziativa o intervento finalizzate al raggiungimento dagli scopi e/o attività di cui sopra;

m) fornire occasionalmente ai soci beni e servizi, nell’ambito di attività associative, quali a titolo esemplificativo: cibi, bevande, materiali  promozionali e utili allo svolgimento delle attività.

Art. 5 – L’Associazione potrà compiere tutti gli atti e concludere tutte le operazioni necessarie e utili alla realizzazione degli scopi sociali, stipulando apposite convenzioni, partecipando o collaborando con altre Associazioni o Enti, nazionali o esteri, privati o pubblici, che svolgano attività non necessariamente analoghe o accessorie all’attività sociale.

Art. 6 – Possono far parte dell’Associazione, in numero illimitato, tutti coloro che, godendo dei diritti civili e rispettando la civile convivenza, si riconoscano nello Statuto ed intendano collaborare per il raggiungimento delle finalità sociali, condividendone gli ideali e lo spirito. Possono chiedere di essere ammessi come soci sia le persone fisiche, sia le persone giuridiche, mediante inoltro di domanda scritta sulla quale decide senza obbligo di motivazione il Consiglio Direttivo.

Art. 7 – I soci possono essere:

  • Soci fondatori: coloro che sono intervenuti alla costituzione dell’Associazione, firmando

l’atto costitutivo.  La loro qualità di associati ha carattere di perpetuità così come la loro posizione in carica nel Consiglio direttivo e sono soggetti solo al pagamento della quota sociale.

  • Soci ordinari: coloro che hanno chiesto e ottenuto la qualifica di associato dal Consiglio Direttivo. La qualità di associati ordinari è subordinata all’iscrizione e al pagamento della

quota associativa annuale. Usufruiscono dei servizi e delle facilitazioni derivanti dall’appartenenza all’Associazione.

  • Soci sostenitori: coloro che contribuiscono in maniera  determinante, con la loro opera o il loro sostegno in denaro o in natura, alle attività dell’Associazione.
  • Soci onorari: coloro che il Consiglio Direttivo ha deliberato di considerare appartenenti all’Associazione per meriti o motivi speciali, senza obbligo di versamento della quota associativa annuale e senza diritto di voto in Assemblea dei Soci. Possono essere persone fisiche o giuridiche.

Il Consiglio Direttivo può prevedere l’istituzione di ulteriori categorie di associati individuate in base a particolari scopi associativi.

Art. 8 – Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente Statuto e l’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dal Consiglio Direttivo. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi o al patrimonio dell’Associazione, il Consiglio Direttivo dovrà intervenire e applicare le seguenti sanzioni: richiamo, diffida, espulsione dall’Associazione.

I soci sono inoltre obbligati a:

a) comportarsi in maniera leale e corretta nei confronti dell’Associazione, dei suoi Organi e degli altri Soci, rispettando il codice di comportamento che regolamenta le attività associative;

b) versare la quota associativa annuale (non trasmissibile e non soggetta a rivalutazione) e l’eventuale quota straordinaria;

c) cedere ad  “Associazione Culturale Exosphere – PoesiArtEventi – , automaticamente all’atto dell’adesione o rinnovo, qualsiasi diritto sulla pubblicazione della propria immagine videoripresa o fotografata durante lo svolgimento delle attività associative;

d) acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi degli artt. 23, 24, 25 del D. Lgs. 196/2003 e all’esonero da ogni responsabilità per fatti colposi o dolosi di terzi ai sensi degli artt. 1341 e 1342 del c.c., automaticamente all’atto dell’adesione;

e) cedere ad “Associazione Culturale Exosphere – PoesiArtEventi -, automaticamente all’atto dell’adesione o rinnovo, qualsiasi diritto sull’utilizzo di opere intellettuali redatte ai fini delle attività associative;

f) concedere ad “Associazione Culturale Exosphere – PoesiArtEventi –“, automaticamente all’atto dell’adesione o rinnovo, il diritto di riproduzione, anche a scopo di vendita, dei beni prodotti nel corso o in funzione delle attività associative.

Art. 9 – La qualità di socio si perde per:

 Decesso.

 Mancato pagamento della quota sociale: la decadenza avviene su decisione del Consiglio Direttivo trascorsi tre mesi dal mancato versamento della quota sociale annuale.

 Dimissioni: ogni socio può recedere dall’Associazione in qualsiasi momento dandone comunicazione scritta al Consiglio Direttivo; tale recesso ha decorrenza immediata fermo restando l’obbligo del pagamento della quota sociale per l’anno in corso.

 Espulsione: il Consiglio Direttivo delibera l’espulsione, previa contestazione degli addebiti e sentito il socio interessato, se possibile e richiesto dallo stesso, per atti compiuti in contrasto a quanto previsto dal presente statuto o qualora siano intervenuti gravi motivi che rendano incompatibile la prosecuzione del rapporto associativo. Gli associati che abbiano comunque cessato di appartenere all’Associazione non possono richiedere i contributi versati e non hanno alcun diritto sul patrimonio dell’Associazione stessa.

Art. 10 – Le risorse economiche per il conseguimento degli scopi ai quali l’Associazione è rivolta e per sopperire alle spese di funzionamento dell’Associazione saranno costituite da:

 quote sociali annue stabilite dal Consiglio Direttivo;

 eventuali quote integrative stabilite dal Consiglio Direttivo, se si rendessero necessarie per far fronte a esigenze associative impreviste, denominate quote straordinarie: ogni associato, in qualsiasi momento avvenga o sia avvenuta la sua iscrizione, dovrà corrispondere l’intera quota straordinaria, oltre alla normale quota associativa, per l’anno in corso come previsto per la sua categoria di socio;

 erogazioni liberali degli associati e di terzi;

 contributi dello Stato, delle Regioni, di Enti locali, di istituzioni o Enti pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari;

 contributi dell’Unione Europea e di organismi internazionali;

 entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;

 entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali, e proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi;

 entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento quali manifestazioni, concorsi, feste e sottoscrizioni anche a premi;

 da ogni altro contributo, compresi eredità, donazioni, lasciti e rimborsi dovuti a convenzioni, che soci, non soci, Enti pubblici o privati, diano per il raggiungimento dei fini dell’Associazione;

 altre entrate compatibili con le finalità sociali.

Il patrimonio sociale indivisibile è costituito da: beni mobili e immobili; donazioni, lasciti o successioni. È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art. 11 – L’anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Il Consiglio Direttivo redige il bilancio consuntivo, che deve essere approvato dall’Assemblea ordinaria ogni anno entro il 30 aprile.

Art. 12 – Gli organi dell’Associazione sono:

– l’Assemblea dei Soci;

– il Consiglio Direttivo;

– il Presidente.

Art. 13 – L’Assemblea dei Soci, che può essere ordinaria e straordinaria, è composta da tutti i soci, ognuno dei quali ha diritto a un voto, espresso per alzata di mano e non delegabile (in caso di parità il voto del Presidente vale doppio), qualunque sia il valore della quota associativa versata. L’assemblea è convocata (per posta elettronica o con gli altri mezzi che il Presidente riterrà opportuni) almeno una volta all’anno in via ordinaria, e in via straordinaria quando sia necessaria o sia richiesta dal Consiglio Direttivo. Le sue deliberazioni sono obbligatorie per tutti gli associati anche se dissenzienti. In prima convocazione l’assemblea ordinaria è valida se è presente la maggioranza dei soci, e delibera validamente con la maggioranza dei presenti; in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti. L’assemblea straordinaria delibera in prima convocazione con la presenza e col voto favorevole della maggioranza dei soci e in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti.

Art. 14 – L’assemblea ordinaria ha i seguenti compiti:

a) ratificare l’entità delle quote sociali annue stabilita dal Consiglio Direttivo;

b) provvedere e deliberare sul rendiconto finanziario, sullo stato patrimoniale e su tutti gli altri argomenti di carattere generale iscritti all’ordine del giorno per iniziativa del Presidente.

L’assemblea straordinaria ha il compito di:

a) deliberare sulle modifiche dello statuto dell’Associazione, esclusi gli scopi dell’Associazione stabiliti dai precedenti articoli 3, 4 e 5.

b) deliberare sullo scioglimento dell’Associazione stessa.

Art. 15 – Il Consiglio Direttivo è composto dai 3 (tre)  membri fondatori per i quali ha carattere di perpetuità ed eventualmente, se ritenuto opportuno dall’Assemblea e dunque non obbligatoriamente,  da un massimo di  2 (due) membri eletti dall’Assemblea fra i propri componenti. I 2 (due) membri eletti dall’Assemblea  rimarranno in carica per due anni. Il Consiglio Direttivo è validamente costituito quando sono presenti due membri. In caso di rinuncia di uno o due membri, il consiglio direttivo rimane costituito dai/dal membro/i rimasto/i in carica fino a che non si saranno trovati (nel minor tempo possibile) uno o più sostituti idonei all’incarico. I membri del Consiglio Direttivo svolgono la loro attività gratuitamente ma hanno diritto ad un rimborso spese qualora siano essi direttamente coinvolti  e responsabili nella conduzione di attività formative, seminari, laboratori, conferenze, corsi, attività di impaginazione e realizzazione di prodotti editoriali cartacei o digitali prodotti in ambito associativo per scopi associativi. In questi ambiti, un rimborso spese documentato è previsto e per gli associati e per i terzi. I due membri del consiglio direttivo eletti direttamente dall’assemblea, possono essere revocati dai soci fondatori all’unanimità o  dall’assemblea con la maggioranza di 2/3 dei soci.

Art. 16 – Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione. Esso determina le iniziative da assumere e i criteri da seguire nell’attuazione degli scopi sociali. Definisce le modalità di amministrazione dei fondi. Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente ed è investito dei più ampi poteri per la gestione sociale. Si riunisce in media 2 volte all’anno ed è convocato da:

– il Presidente;

– almeno 2 dei componenti, su richiesta motivata.

Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione. Nella gestione ordinaria i suoi compiti sono:

– predisporre gli atti da sottoporre all’assemblea;

– formalizzare le proposte per la gestione dell’Associazione;

– elaborare il bilancio consuntivo che deve contenere le singole voci di spesa e di entrata relative al periodo di un anno;

– stabilire gli importi delle quote annuali delle varie categorie di soci.

Art. 17 – Il Presidente è nominato dal Consiglio Direttivo, dura in carica 5 anni (e può essere rieletto), ed è il legale rappresentante dell’Associazione a tutti gli effetti. Egli convoca e presiede il Consiglio Direttivo, sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dall’Associazione; può aprire e chiudere conti correnti bancari e postali e procedere agli incassi. Conferisce ai soci procura speciale per la gestione di attività varie, previa approvazione del Consiglio Direttivo. Il Presidente vigila sulle strutture e sui servizi dell’Associazione; determina i criteri organizzativi che garantiscano efficienza, efficacia, funzionalità e puntuale individuazione delle opportunità ed esigenze per l’Associazione e gli associati; emana i regolamenti interni degli organi e delle strutture dell’Associazione. Il Presidente, inoltre, controlla l’osservanza dello Statuto, ne promuove la riforma ove se ne presenti la necessità e individua, istituisce e presiede comitati operativi, tecnici e scientifici determinandone la durata, le modalità di funzionamento, gli obiettivi e i compensi.

Art. 18 – In caso di urgenza il Presidente può compiere ogni atto necessario per la tutela degli interessi dell’Associazione, con successiva ratifica da parte del Consiglio Direttivo. In caso di assenza, di impedimento o di cessazione le relative funzioni sono svolte dal Vice Presidente. Può delegare per mansioni tecniche e particolari funzioni di rappresentanza altri membri del Consiglio Direttivo e altri soci.

Art. 19 – Il Vice Presidente è eletto dal Consiglio Direttivo, rimane in carica per 5 anni (e può essere rieletto). Nell’espletamento di tale incarico svolge tutte le funzioni proprie del Presidente. Sostituisce il Presidente nel caso i cui questi sia temporaneamente impedito a svolgere le proprie funzioni.

Art. 20 – Il Segretario/Tesoriere è nominato dal Consiglio Direttivo e dura in carica 5 anni (e può essere rieletto). Ha la responsabilità amministrativa dell’Associazione. È tenuto ad adempiere a ogni incombenza amministrativa ivi compresa la tenuta dei libri sociali e di amministrazione. Provvede al disbrigo della normale corrispondenza, al tesseramento e all’aggiornamento dei libri dei soci.

Cura la stesura dei verbali e la distribuzione dei comunicati interni. Conserva gli atti dell’Associazione, redige i verbali dell’Assemblea dei Soci, delle riunioni del Consiglio Direttivo e gli altri libri associativi; svolge tutte le altre mansioni di segreteria che gli sono affidate dal Consiglio Direttivo. Tiene la contabilità, i libri contabili e la cassa, redige i bilanci consuntivi, cura pagamenti e incassi, secondo le indicazioni impartite dal Presidente. In caso di assenza del Segretario/Tesoriere o di sue dimissioni scritte, il Direttivo nominerà un sostituto provvisorio che potrà essere o il Presidente o il Vice Presidente, in attesa di una nuova nomina.

Art. 21 – Tutte le cariche elettive sono gratuite. Ai soci membri del Consiglio Direttivo (Presidente, Vice presidente, Segretario/Tesoriere) compete solo il rimborso delle spese varie regolarmente documentate, previa approvazione all’unanimità del Consiglio Direttivo stesso.

Art. 22 – Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’assemblea straordinaria. Il patrimonio residuo dell’ente deve essere devoluto ad associazioni con finalità analoghe o per fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190 della legge 23.12.96, n. 662.

Art. 23 – Il Presidente, il Consiglio Direttivo e l’Associazione stessa non sono responsabili per atti compiuti dai singoli Soci non esplicitamente autorizzati dal Presidente e/o dal Consiglio medesimo.

Art. 24 – È escluso il ricorso all’autorità giudiziaria ordinaria e si dichiara di rinunciare a ricorrere per qualsiasi motivo alla giustizia ordinaria per l’interpretazione del presente Statuto e per danni derivanti dall’organizzazione e dallo svolgimento delle manifestazioni. Per eventuali interpretazioni discordi e di applicazione del presente Statuto e per le controversie tra Soci o tra Soci e Organi, ciascun Socio s’impegna a ricorrere al Consiglio Direttivo, il quale giudicherà ex bono et aequo,  senza vincoli di procedura.

Il Presidente

Simonetta Sambiase

Il Vice Presidente

Federica Galetto

Il Segretario/Tesoriere

Gabriella Gianfelici

Cookie Policy:

https://exospherepoesiarteventi.com/privacy-cookie/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...